Hyde Park Gate News

Scrivere è il piacere profondo, essere letti quello superficiale

La forma e la sostanza

Lascia un commento

In un mondo dove la comunicazione è tutto – a volte trasmettere un’idea conta quasi più che metterla in pratica – il nuovo papa sembra molto a suo agio.
Tutti dicono: “Aspettiamolo alla prova dei fatti”, ma io penso che Jorge Bergoglio abbia già fatto capire di che pasta è fatto.
Nel giro di pochi giorni – nemmeno una settimana – si è comportato in maniera nuova, contrapponendosi nettamente con le abitudini e i modi di fare dei suoi predecessori.
Ha cominciato dal balcone della basilica vaticana presentandosi con un colloquiale “Buonasera” e indossando solo una croce di metallo al posto dei classici crocifissi d’oro, ha continuato rifiutando la macchina di rappresentanza per prendere posto sul pullmino con gli altri cardinali.
Non ha usato la macchina di rappresentanza, ha pagato il conto dell’albergo dove risiedeva prima del conclave, ha chiesto la benedizione dei fedeli prima di dare la sua.
Per poi venire agli ultimi fatti, che denotano anche un contenuto oltre alla forma.

Il perdono
In un’epoca avara di santi e di persone virtuose, ha riportato al centro il concetto di perdono: siamo tutti peccatori, ma il Signore è misericordioso.
«Un po’ di misericordia – ha detto il Pontefice – cambia il mondo, lo rende meno freddo e più giusto. Dio mai si stanca di perdonarci, il problema è che noi ci stanchiamo di chiedere di perdono».

L’anello
Povertà doveva essere, e povertà è stata. Domani il cardinale decano Angelo Sodano offrirà al pontefice il suo anello del pescatore, che è una delle insegne del papa e che indossa all’anulare della mano destra, che però non sarà d’oro come impone l’usanza, ma bensì di argento dorato.

Anello

Gli atei
Papa Francesco ha rispetto per tutti, atei compresi.
Durante la sua udienza per i giornalisti, si è rivolto a loro così:
«Vi avevo detto che vi avrei dato di cuore la mia benedizione. Molti di voi non appartengono alla Chiesa cattolica, altri non sono credenti. Di cuore imparto questa benedizione, nel silenzio, a ciascuno di voi, rispettando la coscienza di ciascuno, ma sapendo che ciascuno di voi è figlio di Dio. Che Dio vi benedica».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...